iPhone 5S è stato presentato da un paio di settimane e già sulla rete si comincia a parlare del suo successore, iPhone 6. Stando a quanto riportato da Phone Arena, il nuovo melafonino potrebbe essere il dispositivo che rappresenterà la rottura col passato per Apple. L’azienda di Cupertino starebbe valutando la possibilità di montare uno schermo da 4.8 pollici su nuovo iPhone che entrerebbe dritto nella categoria dei phbalet.

Anche io come Federico Moretti trovo i phablet inusabili e scomodi ma, anche questa volta come accadde con iPhone 5C e iPad Mini, a dettare legge è il mercato. Questa particolare tipologia di dispositivi è all’apice della sua diffusione, tutte le grandi aziende ne producono uno o più, i display extra large sono cool e sono piuttosto richiesti dall’utente medio e una società del calibro di Apple non può stare fuori dal giro.

Per stare al passo coi tempi e col mercato, l’azienda di Cupertino  produrrà l’iPhone XL e questo potrebbe significare la fine del potente brand di Cupertino, che ai tempi di Steve Jobs dettava gli standard dei dispositivi mentre ora è “costretta” a seguire i competitor. Io dopo aver effettuato lo switch da Jelly Bean a iOS 7 con iPhone 5 non comprerei nuovamente un phablet visto che i 4 o 4.3 pollici sono una dimensione ideale per me.