La battaglia che da mesi e da anni contrappone il colosso di Cupertino all’azienda coreana Samsung, è finita anche in un tribunale italiano. A Milano i giudici sono stati chiamati a verificare le proprietà dell’iPhone. L’iPhone ma anche gli altri dispositivi Apple recentemente apparsi in commercio, violano alcuni brevetti Samsung. A dirlo sono i coreani che hanno ingaggiato una battaglia legale contro la Mela morsicata.

Samsung, nel dettaglio, al tribunale italiano ha chiesto di bloccare le vendite dell’ultimo iPhone 4S. Stavolta però qualcosa deve essere andato “in modo diverso dal solito”, visto che non è stata accertata la violazione dei brevetti relativi alla wire-less.

Le importazioni dell’iPhone 4S in Italia possono riprendere e questo dispositivo può tornare sulle scrivanie degli italiani e sugli scaffali dei nostri esercizi commerciali.

A dirlo è il presidente della Corte di Milano, Marina Tavassi, che ha respinto la richiesta della Samsung di bloccare le importazioni.

L’ultimo appiglio potrebbe essere nell’accusa di violazione della proprietà intellettuale, ma questa battaglia legale deve essere ancora portata a termine. Respinta anche la richiesta della Samsung alla Corte di concludere in modo urgente l’inchiesta.

Si ricorda che su alcuni brevetti la Apple ha convenuto con la Samsung il pagamento di alcune royalty.