Definire gli utenti dell’iPad dei frustrati, come ha fatto l’ex CEO di Microsoft Bill Gates, mi pare una mossa quantomeno azzardata. Da frustrati. Secondo quanto riportato da BusinessInsider il motivo della frustrazione degli iPad user sarebbe, in soldoni, l’assenza di Office:

Molti degli utenti di iPad sono frustrati perché non possono scrivere, non possono creare documenti e non hanno Office.

Caro zio Bill, io sull’iPad ci scrivo, creo documenti, faccio videoconferenze, pubblico post, credo documenti in formato Office tramite Pages, Numbers e Keynote e mille mila altre cose. Addirittura per certe cose l’iPad è più produttivo del PC.

Sarà forse che tu sei un po’ troppo legato ai prodotti di Microsoft? Ti consiglio di dare un’occhiata alle migliori app per iPad e nello specifico alle app per blogger e giornalisti, che utilizzando queste cose l’assenza di Office non si sente per nulla.

Un tablet non è un PC: è uno strumento che utilizzo in mobilità e non quando sono comodamente seduto in ufficio. Dall’iPad mi aspetto che aumenti la mia produttività quando sono in giro, non che mi permetta di fare le stesse cose che faccio con un computer. Altrimenti ripiegherei sul MacBook air da 11 pollici, no? (eh, scusa, non è che Windows sia proprio il massimo per la produttività) Mi sa proprio che il fantasma di Steve Jobs ancora ti tormenta.

photo credit: brownpau via photopin cc