Stando ad alcune indiscrezioni, Apple valuterebbe l’ipotesi di produrre un iPad Maxi da 13”: il tablet attuale ha una superficie da 9.7”, mentre iPad Mini è da 7.9”. Che senso avrebbe – ammesso che ne abbia uno – un’operazione del genere? Secondo me, un simile device andrebbe a competere coi numerosi ibridi che installano Windows 8. Non penso che la multinazionale avverta l’esigenza di bissare il flop di Microsoft su Surface RT, ma è un form factor interessante che manca a Cupertino e i consumatori potrebbero apprezzarlo molto.

È davvero una questione di dimensioni: dopo qualche “tentennamento”, potrei decidere d’acquistare un Surface Pro — il tablet di Microsoft con Windows 8. Se c’è un aspetto che mi lascia perplesso è proprio la superficie da 10.6” del dispositivo. Avendo tuttora un netbook, penso che sia troppo piccolo per utilizzarlo come un laptop e troppo grande per un tablet. Se Apple producesse iPad Maxi, colmerebbe quel gap con un sistema operativo che annovera molte più applicazioni di Windows RT e non ha bisogno di convincere i consumatori.

Se, poi, iPad Maxi installasse addirittura Mac OS X… difficilmente avrebbe dei rivali. Io acquisterei un Surface Pro, perché – a differenza di Surface RT – permette d’utilizzare i programmi di Windows 8. Esistono diverse dock su iPad che consentono di trasformare il tablet in una sorta di laptop, ma la superficie da 9.7” è ridottissima. Elevarla a 13” significherebbe arrivare alle dimensioni di MacBook Air e Pro, però col multi-touch. Una strategia che potrebbe rivelarsi preferibile al doppio monitor sui portatili di Cupertino.

Photo Credit: Blake Patterson via Compfight (CC)