Una rivista dedicata al mondo Android ha cercato di sviscerare le caratteristiche dell’iPad3 presentato da poco al grande pubblico. Un po’ com’era successo anche per l’iPhone 4, non ci sono state grosse novità. Ecco qualche informazione in più sulla comparazione.

Chi ama il software libero contesta all’iPad 3 e ai prodotti Apple in generale, il fatto che non sono personalizzabili e vincolano molto l’operatività dell’utente. Di fatto si deve riconoscere all’azienda di Cupertino la capacità di produrre dispositivi incredibilmente performanti e difficili da “battere”.

E’ questo in sostanza il giudizio espresso dai critici di Tutto Android che hanno comparato l’iPad 3 con l’Huawei Media Pad 10 FHD, l’Asus Transformer Pad Infinity e il Samsung Galaxy Note 10.1. Sono stati analizzati per ognuno: il processore, la RAM, la memoria interna e quelle esterna, il display, le fotocamere (anteriore e posteriore), la connettività, i sensori, la rete, il sistema operativo, le dimensioni ed alcune altre caratteristiche specifiche.

Il risultato è che ognuno di questi prodotti eccelle in una caratteristica ma sostanzialmente, per le funzioni base, possono essere considerati equivalenti. In attesa delle evoluzioni dei dispositivi Android, il tablet di Cupertino resta il miglior prodotto in circolazione.

In generale, tornando all’iPad 3 più che una rivoluzione rappresenta un’evoluzione, così come anche l’iPad 2 lo era stato nei confronti del primo prototipo.