All’interno di iOS 9 vi sono presenti tecnologie che permettono di ottenere maggior spazio libero su iPhone e iPad. Le feature sviluppate dall’azienda di Cupertino rappresentano un importante passo in avanti e dimostrano l’attenzione verso i dispositivi che integrano al loro interno solamente 16GB di storage.

In questi ultimi anni, Apple è stata più volte criticata per il fatto che iPhone, iPad e iPod Touch sono ancora disponibili sullo store con memoria storage di 16 GB. Questa strategia, da un lato, ha spinto molti utenti ad acquistare versioni con archiviazione superiore, anche se in circolazione è possibile trovare ancora moltissimi device Apple con tagli di memoria inferiori o uguali ai 16 GB.

Con il nuovo sistema operativo iOS 9, Apple punta a risolvere la problematica dello spazio libero a disposizione degli utenti, grazie a tre semplici ed innovative ottimizzazioni software.

App Slicing

La tecnologia App Slicing è estremamente utile, dal momento che offre la possibilità di scaricare solamente il codice e le risorse necessarie per il vostro dispositivo. In passato, infatti, gli utenti erano obbligati a scaricare applicazioni universali che contenevano al loro interno tutto il codice per essere compatibili su tutti i modelli di iPhone e iPad.

L’idea di App Slicing, quindi, è quella di scaricare sul dispositivo dell’utente tutto il codice dedicato al dispositivo, senza dover installare anche i file dedicati ad altri dispositivi. Un trucco estremamente utile che abbatterà anche i tempi di download delle singole app.

On-Demand Resources

Un’altra importante novità di iOS 9 si chiama On-Demand Resources. Grazie a questa funzionalità non sarà necessario scaricare completamente un gioco e tutti i livelli, bensì sarà sufficiente scaricare i primi livelli e, una volta completati, il sistema scaricherà i livelli successivi, eliminando quelli già completati.

Con On-Demand Recources, di fatto, verranno ridotte le dimensioni dei videogiochi e non vi saranno effetti collaterali per quanto riguarda l’esperienza d’utilizzo e gli obiettivi raggiunti.

Bitcode

L’ultima funzionalità dedicata a risparmiare lo spazio occupato dalle app si chiama Bitcode. Gli sviluppatori non dovranno inviare file binari precompilati, bensì tutto il lavoro verrà svolto dall’App Store. Il risultato di tutto ciò si trasforma in un download dell’app sia a 32 o 64 bit, in base all’hardware del dispositivo. Così facendo verrà risparmiato ulteriore spazio.