Manca poco. Alla WWDC di giugno dovremmo vedere la prima beta di iOS 7, il nuovo sistema operativo per iPhone e iPad che a questo punto dovrebbe debuttare in autunno insieme all’iPhone 5S. Da qualche settimana si parla insistentemente della nuova interfaccia di iOS, il cui ridisegno, o meglio redesign, è stato affidato a Jony Ive.

Jony sarebbe al lavoro su uno stile di design flat che, per intenderci, è lo stesso utilizzato da Microsoft per Windows Phone. Non c’è il rischio che questo venga mal digerito dagli utenti di lungo corso? Insomma, voglio dire, non è che proprio proprio abbia una gran voglia di dire addio a tutti quei fronzoli e a quell’effetto 3D a cui Cupertino ci ha abituato. Soprattutto, è una buona idea dare l’impressione di rincorrere Microsoft?

In pratica, il nuovo design di Apple abbandonerebbe le similitudini con la vita reale (pensate per esempio agli scaffali di iBooks o all’agenda dei contatti) in favore di interfacce piatte, nella stessa direzione seguita di recente da Facebook.

Su questa mezza rivoluzione, che insieme alla nuova fotocamera sarà la cosa più importante del nuovo iPhone 5S, Jony si gioca praticamente tutta la carriera. Su Quora Victor Ng, Designer di Pinterest, ha sostenuto che si tratta semplicemente di una reazione a uno stile, quello dello skeu0morfismo, che ha segnato un’epoca. Insomma, è solo un’operazione di marketing: ne varrà la pena? Confidiamo in Jony: iOS 7 pare che sia così rivoluzionario che chi lo usa deve nasconderlo.