Da un paio di giorni sto utilizzando sul mio iPhone 4S iOS 7 beta 3, rilasciata lo scorso lunedì con un’interessante aggiornamento grafico: i nuovi font Helvetica Neue. Come mi aspettavo, si tratta finalmente di un sistema operativo abbastanza stabile. In questi due giorni il telefono non si è mai riavviato. Quasi nessun’app mi ha dato problemi, anche se diverse hanno qualche difetto di visualizzazione e risultano con qualche bordo tagliato o fanno strani scherzi in fase di avvio. Niente di trascendentale. Nei casi peggiori (Google Plus non si avviava più, d’un tratto) è stato sufficiente cancellare e reinstallare l’app.

Sì, iOS 7 beta 3 si può finalmente usare. Quando passi da una delle nuove app di Apple a una “classica” la differenza è come un pugno nello stomaco. Tornare indietro è sempre più difficile. Non a caso gli sviluppatori hanno abbandonato Andorid per ridisegnare le proprie app iOS. L’armonia di iOS 6 non regge il confronto con la nuova entusiasmante grafica, che però non va esente da difetti. Per esempio le nuove notifiche sul lock screen fanno schifo: lo swipe richiesto per aprirle ti dà l’idea di cancellarle. E sarebbe anche utile, visto che più di un paio non riesci a vederne senza scrollare. I nuovi desktop dinamici, Safari, Mail app, Reminders e Note sono una goduria. Anche l’app per le foto non è poi così male, una volta capitone il funzionamento.

Tutto è decisamente veloce e fluido, per essere un software ancora in beta. Resto ancora perplesso per via delle animazioni eccessive, ma alla lunga credo che riuscirò a metabolizzarle. Insomma, con l’uso quotidiano il “piattume” del nuovo iOS finisci con l’apprezzarlo, anche se ti chiedi come sia possibile che Apple non sia ancora intervenuta su alcune cose che proprio non si riescono a digerire, come i colori delle cartelle o l’animazione di invio messaggi, con il testo dello stesso che esce dai tasti. Per tutto questo in ogni caso ci sarà il jailbreak che a sentire i ragazzi del team Evad3rs pare non tarderà ad arrivare.

Per installare la nuova beta pur senza avere un UDID sviluppatore io ho seguito questi passi:

  • ho fatto un backup del mio iPhone per sicurezza;
  • ho ripristinato il mio iPhone come nuovo iPhone con il vecchio iOS 6.1.3;
  • ho cliccato upgrade tenendo schiacciato ALT (per Mac, su Windows usate shift) e ho selezionato la beta 2 che avevo già provato;
  • ho poi fatto un upgrade direttamente dall’iPhone;
  • ho proceduto con un restore da backup salvato (attenzione che non si può fare al contrario, cioè ripristinare un backup di iOS 7 su iOS 6).

Se volete provare, ricordatevi che è a vostro rischio e pericolo, anche se non ci dovrebbero essere problemi a ripristinare iOS 6.1.3. Io l’ho fatto dopo la beta 2, per ora non ho intenzione di farlo ;)