Stando a quanto emerso dal tredicesimo Rapporto sulla Comunicazione del Censis, presentato oggi nella sala Zuccari del Senato, l’utilizzo di smartphone e internet in Italia è in forte crescita.

Secondo la ricerca, infatti, gli internauti sono circa il 73.7% degli italiani, e quelli che utilizzano lo smartphone sono invece il 64.8%. Cifre importanti, che segnalano una crescita del 12% rispetto allo scorso anno per quel che riguarda l’utilizzo degli smartphone in Italia.

La crescita per quel che riguarda il web, invece, è ancora più forte, pari al 28,4% nel periodo 2007-2016. Dieci anni fa gli italiani che navigavano erano il 45.3%. Se la crescita di quelli che anni fa era considerati i “nuovi media” è forte, al tempo stesso anche i canali tradizionali non perdono terreno, senza registrare un incremento significativo.

La televisione continua a catturare la quasi totalità degli italiani, registrando il 97.5%, mentre le web TV arrivano al 24.4% e le mobile TV all’11,2%. La TV fruita dal web ha registrato una crescita del 14.4% negli ultimi dieci anni. In saluta anche la radio, che ascoltatori italiani pari all’83,9% e una crescita pari al 6.9% dal 2007 al 2016.

Perde colpi, invece, la carta stampata. I quotidiani perdono lettori, arrivando al 40.5% degli italiani. Un dato preoccupando, soprattutto se si considera che negli ultimi dieci anni i lettori dei giornali sono calati del 26.5%. Se è vero che la carta perde il suo appeal, è altrettanto vero che invece i quotidiani online incrementano i loro lettori, segnando un +1.7% a settimana e +3.9% al mese rispetto allo scorso anno.