Il mondo di Internet sta cambiando, con piccoli passi o grandi “cambiamenti”, ma si sta evolvendo, in questi ultimi anni Internet (il Web in generale) è passato da quello che era un mondo “anonimo” dove si poteva essere chi si voleva, un universo in cui nessuno poteva conoscerci, ci si deve rendere conto che tutto questo è il “passato”.

Di chi è la colpa?
La colpa è da imputare a noi stessi, tutti amano i Social Network, a tutti piace inserire i propri dati “sensibili” su internet per condividerli con gli amici, ma senza rendersi conto che tutto questo “materiale” rimane visibile e consultabile nella rete, ma non è solo colpa del nostro “amore” verso i Social Network un nemico invisibile è sempre pronto a rubare informazioni preziose a nostra insaputa, secondo le ultime verifiche della rete i cinquanta siti più famosi (e navigati) del mondo (dalla Cnn, Yahoo, Msn e molti altri) installano un numero sempre crescente di cookie che cercano di carpire i nostri “dati” e le nostre preferenze in modo “silenzioso“.

La rete di oggi non solo sa “esattamente chi siamo ma anche che cosa cerchiamo“, i colossi come Google, Facebook, Apple e Microsoft sono sempre alla ricerca di informazioni sui poveri “navigatori”, per poi cercare di rivendere queste informazioni alle società di pubblicità.

Secondo le ultime “futuristiche previsioni” sul futuro del Web prende sempre più “piede” l’idea di siti personalizzati (secondo i gusti di chi li visita) è sempre più realistico, la rete deve essere intelligente e dovrà essere fatta su misura per ogni utente, tutto questo sicuramente è ancora lontano ma personalmente mi fa paura, che il mio iPhone memorizzi i mie spostamenti anche questo mi fa paura, il progresso e la tecnologia non devono necessariamente “colpire” la nostra privacy, non voglio entrare nel sistema globale di un grande fratello informatico che conosce tutti i miei segreti.