Sono moltissimi i videogiocatori di vecchia data – che oggi vanno per i 40 anni – che per un fortissimo sentimento di nostalgia installano sui loro computer software in grado di emulare i vecchi titoli anni  ’80. Grazie al sito web Internet Archive, tuttavia, questo non sarà più necessario: la piattaforma online aggiunge gratuitamente ai numerosi libri, canzoni e film presenti nel suo database anche 2.400 videogiochi anni ’80 che hanno scritto la storia del medium.

La collezione di videogiochi “vintage” comprende i titoli più famosi, iconici e rappresentativi del decennio 1980-90, come, ad esempio, Commander Keen, Wasteland, Prince of Persia, Mega Man, Wolfenstein 3D, padre degli sparatutto in prima persona come li conosciamo oggi, oppure il sempreverde Pac-Man. Per chi non lo sapesse, l’Internet Archive è un’associazione no-profit statunitense, fondata nel 1996, che ha sede a San Francisco e ha come obiettivo quello di preservare in via digitale diversi contenuti fuori mercato o non più reperibili come siti web, canzoni, immagini, video, libri, film e anche videogiochi. In questo modo si ha la possibilità di avere sempre accesso a opere che altrimenti finirebbero nel dimenticatoio e si rischierebbe di perdere per sempre.

Basterà andare sul sito Internet Archive e sarà possibile videogiocare direttamente sul browser, che funziona da emulatore, senza installare alcun software aggiuntivo. Attualmente la piattaforma è ancora acerba e quindi è possibile la comparsa di rallentamenti, bug ed errori, ma per un servizio completamente gratuito non c’è di che lamentarsi. Grazie alla partnership con alcuni team di sviluppatori indie, comunque, nei prossimi mesi la situazione è destinata a migliorare.

photo credit: Sibe Kokke via photopin cc