Il jack audio per le cuffie da 3,5 mm è uno degli elementi che da più tempo sono integrati sui dispositivi dal mercato di massa, dagli smartphone ai precedenti lettori MP3. Ora però sono in molti ad affermare come la tecnologia in oggetto inizi a diventare obsoleta e sia con ogni probabilità il momento di introdurre una forte modifica nei dispositivi in commercio. Questo è ciò che con ogni probabilità farà Apple con il suo nuovo iPhone 7 a settembre, rimuovendo la porta da 3,5 tradizionalmente installata per le cuffie e sostituendola con una Lightning universale.

C’è però ancora una scelta che non è stata considerata nel mondo della telefonia mobile, che però Intel suggerisce di adottare. Si tratta della sostituzione del jack audio da 3,5 mm con una porta USB Tipo-C, che così diventerebbe soprattutto sui laptop ancora più universale con la possibilità di collegare il cavo per la ricarica, le cuffie e le PenDrive USB. Certo è che non sarà un processo facile né rapido, visto che in ballo ci sono molti interessi e tecnologie che ancora devono essere identificate, verosimilmente anche con la necessità di procurarsi USB Tipo-C multiple per quando – per esempio – si dovranno simultaneamente connettere cuffie e alimentatore.

È però da dire che le cuffie connesse tramite USB Tipo-C, come riporta The Verge, potrebbero essere la caratteristica che porta gli standard a cambiare soprattutto per la qualità del suono che passerebbe dall’essere analogico (con la tradizionale porta da 3,5 mm) a digitale con l’uso di USB Tipo-C. Ma i vantaggi potrebbero non essere solo nella qualità della riproduzione musicale, bensì anche per un inferiore risparmio energetico trami la USB C. Meno probabile in questo momento come riportato da The Verge che le cuffie possano essere utilizzate anche come rilevatori per il monitoraggio della salute dell’utente, per elementi come battiti cardiacici.