Intel con Thunderbolt 3 ha deciso di rivoluzionare la propria strategia adottando il connettore USB Type-C, già presente sul MacBook di Apple e altri dispositivi in commercio, tra cui Chromebook. La prossima versione della tecnologia di Intel punta ad offrire una velocità di trasferimento pari a 40 Gbps

Intel ha deciso di utilizzare il connettore USB Type-C per la prossima generazione di Thunderbolt, con l’obiettivo di unificare le porte presenti sui computer. Il cavo Thunderbolt 3 sarà identico a quello attualmente in dotazione per USB-C, in grado di trasferire la stessa quantità di dati e di energia. Tuttavia, rispetto a USB C, Thunderbolt 3 permetterà di raggiungere un throughput più elevato, fino a 40 Gbps. Quest’ultimo valore rappresenta il doppio di quello di Thunderbolt 2 e quattro volte di più rispetto a USB 3.1 e Thunderbolt 1.

La differenza tra un cavo USB-C e un Thunderbolt 3 riguarderà un piccolo logo posto sul connettore, a forma di fulmine. Ovviamente, le periferiche Thunderbolt e Thunderbolt 2 attualmente in commercio saranno compatibili con Thunderbolt 3 tramite l’utilizzo di un semplice adattatore.

Per quanto riguarda le specifiche tecniche pure, il chip Alpine Ridge utilizzato permette di avere a disposizione sia una connettività Thunderbolt 3 che un controller USB 3.1. In questo modo, visto che Thunderbolt e DisplayPort sono compatibili sarà possibile gestire fino a due schermi 4K a 60 Hz. Inoltre, come già oggi avviene, è possibile gestire sei dispositivi Thunderbolt a cascata (daisy chain) su una singola porta.

Grafico Thunderbolt 3

Velocità di trasferimento Thunderbolt 3

Per quanto riguarda il debutto di Thunderbolt 3, Intel ritiene che i primi prodotti dotati di questa nuova tecnologia verranno resi disponibili entro la fine dell’anno e nei primi mesi del 2016. Adesso, di fatto, Intel supporta attivamente lo standard USB Type-C permettendo di comprendere come in futuro vi sarà spazio per una sola tipologia di porta per gestire molteplici dispositivi. Così facendo, l’utente finale non si ritroverà di fronte a un elevato livello di frammentazione come è avvenuto in passato con USB, FireWire e Thunderbolt.

La decisione di Intel apre la strada per il successo di USB-C e sarà interessante comprendere le tempistiche con cui arriveranno sul mercato anche i primi accessori compatibili con gli standard USB 3.1 e Thunderbolt 3.