A partire da luglio, Intel Compute Stick, il micro PC grande come una chiavetta USB, sarà commercializzato anche nella versione con sistema operativo Ubuntu. È il risultato della neonata collaborazione fra Intel e Canonical, sviluppatore del sistema operativo libero.

Intel Compute Stick è un dongle HDMI venduto al prezzo di circa 100 euro e che, se collegato ad uno schermo, si trasforma in un vero e proprio PC. Il micro PC è dotato di un processore Intel Atom Z3735F, 1GB di RAM, 8 GB di memoria interna espansibile con microSD fino a 32GB. Un prodotto economico che non offre le prestazioni di computer tradizionali, ma può essere utile come terminale da viaggio, ad esempio, se collegato al televisore di una camera d’albergo per navigare o lavorare su software.

Un accordo molto importante quello fra Intel e Canonical, che porta il supporto dei device per i sistemi operativi di matrice Linux ad un livello superiore e farà dunque felice tutti gli appassionati del software libero che volevano testare li microPC di Intel.

La situazione necessita però ancora di ottimizzazioni: Ubuntu non è infatti in grado di riconoscere il modulo Wi-Fi sulla chiavetta-PC di Intel, il che rende praticamente impossibile collegarsi a qualsiasi rete senza fili. Un grosso limite a cui però gli sviluppatori di Microsoft porranno sicuramente rimedio con i futuri aggiornamenti.