Nella giornata odierna, Intel ha rilasciato nuovi dettagli riguardanti la futura generazione di processori Intel Broeadwell M. Quest’ultimi, se comparati agli attuali Haswell, offriranno un incremento in termini di prestazioni affiancando una maggior durata della batteria.

Con il rilascio dei processori Haswell, Intel ha migliorato nettamente le performance in termini di durata della batteria, ma allo stesso tempo l’azienda di Santa Clara è al lavoro nella realizzazione della futura generazione denominata Broadwell. Rispetto alle precedenti generazioni, Intel ha sottolineato l’arrivo di processori con nuovo form factor per realizzare sistemi ancor più sottili e in grado di dissipare maggiormente tutto il calore prodotto.

Combinando una nuova architettura ad un nuovo processo produttivo a 14 nanometri e alla seconda generazione di transistor Tri-gate, Intel punta a rivoluzionare il mondo dei processori. Come già preannunciato nelle scorse settimane, i primi chip Broadwell-Y, alias Core M, sono specificatamente sviluppati per dispositivi 2-in–1, ovvero computer/tablet ibridi, e saranno disponibili a partire dall’autunno. Non solo, Intel ha focalizzato l’attenzione sulla possibilità di inserire i chip Core M in dispositivi ultra sottili, senza l’adozione di alcuna ventola.

Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato del tanto rumoreggiato MacBook Air Retina da 12 pollici, con design ancor più sottile e senza ventole. Ci può stare, quindi, che a Cupertino attendano l’arrivo dei nuovi processori Broadwell Core M per introdurre un nuovo modello, prima delle vacanze natalizie, tra la famiglia di MacBook Air già esistente. Per quanto riguarda, invece, notebook o soluzioni desktop ad alte performance, Intel rilascerà i processori Broadwell dedicati verso l’inizio-metà 2015.