Riassumerei nell’entusiasmo di @igerspuglia, ritratto nella fotografia che puoi vedere qui sopra, l’andamento dell’ottavo Worldwide Instameet promosso da Instagram: io non ho potuto partecipare per un problema di salute (non che ti interessi il mio bollettino medico, ma ti avevo promesso che avrei raccontato l’evento milanese) e ne sono parecchio dispiaciuto. La manifestazione è stata un successo in tutta l’Italia, che ha promosso numerosi meeting – ed è stata applaudita personalmente da Phil Gonzalez, il fondatore degli Igers.

Alberobello, Cagliari, Ferrara, Firenze, Lamezia Terme, Milano, Padova, Pordenone, Roma, Venezia: in rigoroso ordine alfabetico, sono le città che hanno ospitato il Worldwide InstaMeet. Alcuni hanno voluto dare un significato preciso alla manifestazione, come i Veneziani che l’hanno dedicata al ricordo della Shoà e i Fiorentini con la visita all’Archivio Storico. Qualunque fosse la motivazione – dalle fotografie che ho potuto vedere – sono certo che i partecipanti abbiano passato una buona domenica in compagnia. Ahimè, è lunedì.

Ciò significa che dobbiamo “salutare” il #WWIM8 e pensare al prossimo, organizzandoci al meglio: avendo dovuto saltare il meeting, io non vedo l’ora che ne promuovano un altro. Non sei obbligato ad attendere un altro InstaMeet per imparare a scattare delle fotografie più suggestive o vincere dei premi come quelli messi quotidianamente a disposizione da Instagramers Gallery. È un’ottima consolazione, dal momento che sei appena tornato a scuola o in ufficio. Ulteriori occasioni per incontrare degli Igers non mancheranno di certo.