Nella giornata di ieri si è tenuto un evento di Facebook che come abbiamo potuto vedere tramite l’interessante post di Gianpiero Riva, ha portato i video di breve durata su Instagram. Io l’avevo annunciato qualche giorno fa, con un po’ di dubbi, ma ci ho visto giusto. All’interno dell’evento, oltre alla nuova feature per Android e iOS, non è stata annunciata una versione ufficiale per Windows Phone.

Sulla rete ha rimbalzato a poche ore dall’inizio dell’evento un rumor, che vedeva all’interno dell’evento l’arrivo dell’app ufficiale anche per l’OS mobile di Microsoft. Voce di corridoio smentita a tempo di record. Durante l’evento però è stata avanzata una domanda da un membro della stampa che chiedeva quando avremmo visto l’app ufficiale Instagram per Windows Phone. Risposta generica che diceva tutto già sentito in precedenza: non abbiamo nulla da annunciare, se ne parlerà più in là.

Ora come ora non posso che vantare e difendere il mio acquisto di qualche mese fa di Itsdagram, ora chiamato Instance. Sui social fui criticato parecchio e ora più che mai, Facebook non ha alcun motivo di mettere i bastoni e far terminare l’attività a client di terze parti su Windows Phone. Anzi, l’ipotetico patto di non belligeranza di cui parlai qualche mese fa non sembra nemmeno così surreale come all’epoca. La mia modica spesa di 1.50 euro sembra più che giustificata.

I client di terze parti sono pressoché fondamentali, specie se Daniel Gary, lo sviluppatore di Instance, ha deciso e già fatto vedere un supporto preliminare ai video di Instagram sulla sua app. Nel mentre che Facebook si gongola la sua creatura, gli sviluppatori “dal basso” continuano a fare la differenza. E noi utenti Windows Phone ringraziamo. Ah sì, Instance ora è anche in versione free.