Quelli che si considerano dei puristi della fotografia, sono ossessionati dalla polemica contro Instagram, che è uno strumento di condivisione delle foto scattate attraverso il proprio dispositivo mobile. Chi ha un iPhone, ormai, lo considera del tutto fondamentale.L’ideatore di Instagram non pensava certo che la sua applicazione potesse avere un così ampio successo ma visti i risultati tra il pubblico della Mela Morsicata, in una recente intervista non ha esitato a dichiarare che avrà lo stesso successo di Facebook, forse anche di più.

In sei mesi gli utenti sono raddoppiati ed ora ci si prepara al boom con il lancio dell’applicazione anche per gli smartphone Android che finora aveva visto con il lanternino questa chicca social. In realtà Instagram è stata per un bel po’ nel dimenticatoio.

E’ stata lanciata, infatti, da due anni, dallo scorso dicembre, in meno di sei mesi,  è arrivata a dichiarare 15 milioni di utenti, raddoppiando la quota degli iscritti. La diffusione virale dell’applicazione è stata premiata anche a Cupertino dove la Apple ha deciso di nominare Instagram applicazione dell’anno.

Il funzionamento è semplice: si scatta e poi si condivide la foto con le persone che ci seguono, i follower per mutuare un linguaggio caro a Twitter, e si può anche applicare allo scatto uno dei filtri messi a disposizione. Fotoritocco e condivisione che qualche volta lasciano spazio all’arte.