La strategia di Facebook è sempre stata quella di infarcire la sua piattaforma e quelle di sue proprietà di soluzioni molto simili a quelle presenti su Snapchat con l’obiettivo di conquistare più utenti possibili soprattutto tra i più giovani che preferiscono il social network che si caratterizza per i messaggi che si autodistruggono. Un esempio eclatante di questa strategia lo si può notare su Instagram con le Stories che sostanzialmente sono quasi una copia di quelle presenti su Snapchat. Una strategia che sembra dare, oggi, i suoi frutti. Proprio Instagram con le sue Stories si starebbe “mangiando” gli utenti di Snapchat.

Secondo quanto riporta TechCrunch, le visualizzazioni delle Stories su Snapchat sarebbero calate tra il 15% ed il 40% da quando la medesima funzionalità è apparsa su Instagram. Non solo, anche le condivisioni sarebbero i calo e così pure il download dell’applicazione. Instagram Stories ha raggiunto da poco i 150 milioni di utenti al giorno, livello che possedeva Snapchat pochi mesi fa ma che ora, probabilmente, non raggiunge più.

Da sottolineare che un calo del traffico su Snapchat potrebbe dipendere anche dalla sparizione della funzione “Auto-Advance” che propone in forma sequenziale automatica le Stories degli amici. Tuttavia questi dati sono molto importanti perchè al di la delle statistiche dietro si nascondono importanti ritorni economici. Un calo dell’uso delel Stories significa meno introiti con un calo complessivo del valore dell’applicazione. Un problema mica da poco visto che Snapchat sta per debuttare in borsa e con un’IPO (offerta pubblica iniziale) quasi da record e molti analisti di borsa starebbero premendo per avere qualche dettaglio più preciso della salute del social network.

Dettagli che l’azienda potrebbe essere “costretta” a rivelare ed a quel punto si potrebbe avere un’idea un po’ più chiara sui reali numeri di Snapchat.