Instagram è uno dei social network più interessanti e diffusi. Ad ora però, l’app ufficiale non è disponibile su tutte le piattaforme ma esclusivamente per Android e iOS. Gli utenti Windows Phone, dopo mesi di promesse, non hanno ancora ricevuto Instagram per Windows Phone, tant’è che alcuni sviluppatori hanno creato delle app alternative, come Instance di cui ho parlato in precedenza, per sopperire a questa mancanza.

In quel di Facebook sembra che dopo il rilascio di Hipstamatic Oggl, che permette di caricare fotografie su Instagram in maniera ufficiale, si siano decisi a fare guerra alle app di terze parti. Come riportato da The Verge, sviluppatori di Instagram stanno provvedendo a bloccare l’upload e a cancellare le fotografie scattate con app “non ufficiali”. L’allarme è arrivato inizialmente da David Gary, lo sviluppatore di Istance, che ha raccontato come gli upload delle foto con il suo client siano tracciati e che gradualmente le foto vengano eliminate.

David Gary però a quanto pare è riuscito, con un fix temporaneo, a riportare la situazione alla normalità. Nelle prossime ore arriverà la versione 2.0, che aggira questo problema e per ora, gli utenti Instance sono salvi. Una mossa secondo me poco corretta, per evitare il problema alla radice sarebbe sufficiente rilasciare un client ufficiale, Instagram.