Gmail è uno degli account di posta più diffusi e più utilizzati oggi dagli utenti del web. Una soluzione di posta estremamente flessibile, utilizzata sia per fini privati che come account per uso professionale. La sua gestione non è assolutamente complessa, tuttavia Google offre una serie di strumenti che consentono agli utenti di personalizzare la gestione dell’account sin nei minimi particolari proprio come se si stesse gestendo e configurando un account di posta complesso come, per esempio, Outlook di Microsoft. Gli utenti potranno, per esempio, importare i loro contatti, impostare un firma, un redirect, filtri, la risposta automatica e mille altri dettagli.

Impostazioni Gmail: configurare l’account

Per accedere al pannello di configurazione di Gmail, gli utenti non dovranno fare altro che cliccare sull’icona a forma di ingranaggio in alto a destra e selezionare “Impostazioni“. Il pannello di controllo di Gmail è ben organizzato in schede corrispondenti ad un preciso genere di attività. Gli utenti potranno scegliere, per esempio, la sezione Generale, Etichette, Account, Filtri ed altro. La prima scheda “Generali“, permette di impostare tutte le principale preferenze dell’account. Gli utenti, potranno, per esempio, scegliere la lingua, inserire alcuni loro dati, inserire la foto, abilitare le modifichenotifiche e tanto altro.

La scheda “Etichette“, come fa ben intuire il nome, permette, invece, di organizzare la struttura dell’account creando nuove etichette o cancellando o aggiungendo cartelle. La scheda “Posta in arrivo” permette di modificare lo stile della casella ed alcune piccole altre opzioni di visualizzazione.

Molto importante, invece, la scheda “Account ed Importazione“. Qui, è infatti possibile importare i messaggi ma soprattutto i contatti per creare la proprio rubrica. Il processo di importazione è quasi del tutto automatico e non prevede particolari e soprattutto complicati passaggi manuali. Quello che gli utenti dovranno fare è inserire le credenziali d’accesso del loro vecchio account email (Yahoo o Outlook, per esempio) e lasciare che Gmail importi automaticamente messaggi e contatti).

Sempre da questa sezione, è possibile anche impostare Gmail affinché scarichi, utilizzando POP3, i messaggi inviati ad un altro account. Un’ottima soluzione per poter centralizzare tutta la gestione della posta.
Dalla scheda “Filtri” è possibile, come fa ben intuire il nome, creare filtri per gestire la posta in arrivo, proprio con le medesime possibilità di un client professionale.

Dalla scheda “Inoltro e POP/IMAP” gli utenti Gmail possono configurare l’account affinché i messaggi possano essere scaricati attraverso un client desktop utilizzando POP3 o IMAP. Sempre da questa scheda è possibile fare in modo che tutti i messaggi, o solo alcuni, possano essere dirottati verso un altro indirizzo email.

Dalla scheda “Chat“, invece, gli utenti possono abilitare e configurare il servizio di Chat integrato in Gmail. La scheda “Labs” è molto interessante perché consente di abilitare alcune funzioni sperimentali, alcune delle quali davvero molto particolari.

La scheda “Offline” permette di installare il supporto a Gmail Offline attraverso un add on per Chrome, utile se si deve gestire spesso l’account in assenza di connettività internet. Infine, la scheda “Temi” permette di dare un pizzico di colore in più a Gmail cambiandogli l’aspetto.