Apple ha introdotto i nuovi iMac Retina Display 5K con OS X Yosemite che propongono una risoluzione a 5120×2188 pixel: che cosa e come può essere riparato di questi All-In-One? Lo spiega iFixit col consueto filmato sul teardown del modello da 27″. Considerato il prezzo – che parte da 2.629€ – la recensione degli “smanettoni” è ancora più utile e rivela quali componenti possono essere facilmente sostituiti. Non sono state riscontrate delle enormi differenze, rispetto alle versioni precedenti, ma lo schermo di LG è fissato al vetro.

Ciò, oltre a giustificare la somiglianza del Chromebase di LG con gli iMac, rende più difficile la sostituzione dello schermo LCD. Insieme al nastro adesivo che fissa il coperchio del Retina Display 5K, è l’aspetto peggiore dei nuovi modelli: la RAM può essere aggiornata o sostituita con relativa semplicità (senza aprire il case) e lo stesso vale per i processori Intel Core i5 oppure i7 — a seconda della configurazione scelta in fase d’acquisto. Idem per l’hard disk che come la CPU richiede uno sforzo sull’apertura della scocca.

Nella scala di riparabilità, usata da iFixit per valutare i nuovi iMac, il modello da 27″ ha avuto un punteggio di 5 su 10: un risultato migliore del 3 ottenuto da altre versioni più piccole e identico a quello del predecessore delle stesse dimensioni. Possiamo sostenere che Apple abbia confermato tutte le indiscrezioni della vigilia del keynote e riproposto lo sportellino per la sostituzione della RAM che potrebbe rivelarsi strategico, in prospettiva, volendo aggiornare lo All-In-One per guadagnare una maggiore potenza di calcolo.

foto ufficio stampa