Una buona notizia per i numerosi fan del sito di Hosting più famoso di tutti i tempi, MegaUpload era stato il primo “gigante” a cadere, ma ora sembra proprio che a causa di un errore procedurale da parte delle autorità neozelandesi il sequestro dei beni del fondatore di MegaUpload è da ritenersi non valido.

L’Alta Corte neozelandese ha definito “nullo e non valido” l’ordine emanato dalle autorità locali per il sequestro di tutti i beni riconducibili a Kim Dotcom.

Il fondatore di MegaUpload potrebbe riavere tutti i beni materiali sequestrati dagli agenti per un valore stimato in cica 25 milioni di dollari.