Il motore di ricerca più famoso del mondo ha deciso di rinnovarsi iniziando un percorso di razionalizzazione dei servizi che presto ne manderà in pensione alcuni molto conosciuti. Stiamo parlando della decisione di Google di “spegnere” iGoogle e Google Video

Google ha deciso di sfoltire, o meglio razionalizzare i suoi servizi e per l’estate ne manderà in pensione qualcuno. Il primo a dire addio al mondo digitale sarà iGoogle, il portale che fino a questo momento ha consentito agli utenti registrati a BigG di personalizzare la propria homepage.

Da novembre 2013 si dovrà dire addio ad iGoogle ma ci saranno altri servizi che, surclassati da prodotti molto più performanti, continuano a resistere soltanto per inerzia. Si tratta ad esempio di Google Mini pensato per le piccole aziende, di Google Talk Chatback e di Google Video. Quest’ultimo non è riuscito ad imporsi o comunque a competere con Youtube.

Perché Google ha deciso di chiudere questi canali? In primo luogo perché ce ne sono alcuni che la “dirigenza” di BigG non reputa più interessanti, altri che invece non hanno più pubblico. Da questo punto di vista sono già chiusi anche altri servizi come Google Labs, Code Search, Google Gears e Friend Connect, più tutta una serie di servizi minori.

La notizia è stata data sul blog ufficiale di Mountain View.