Google ha esteso la disponibilità dei Chromebook ad altri nove paesi, fra i quali l’Italia: insieme a Spagna e Belgio, la Penisola riceverà i nuovi portatili con Chrome OS nel giro di qualche settimana. Non è ancora ufficiale la lista dei dispositivi in arrivo, ma è molto probabile che tra questi avremo una nuova versione del C720 di Acer con processore Core i3 di Intel e potrebbe arrivare anche Chromebook 11 oggi prodotto da Dell. Al momento, in catalogo c’è soltanto il Samsung Serie 5 550 da 577€ che è riservato alle imprese.

L’anno scolastico è quasi terminato, però l’arrivo dei Chromebook in Italia è strategico: le scuole fra giugno e luglio – oltre agli esami – hanno il tempo di pianificare gli investimenti per la riapertura degli istituti in settembre e Classroom ha già fatto la propria comparsa. Quale sarà il prezzo dei portatili? Se saranno rispettati, com’è prevedibile, i listini europei… il costo non dovrebbe superare i trecento euro. Una spesa equa per le attuali possibilità di questi device, che ambiscono ad affiancare i tablet con Android.

Google riuscirà a convincere il MIUR ad adottarli? Qualora non fosse così, resterebbero comunque i professionisti: Chromebox è un esempio di come Chrome OS sia pronto a supportare la produttività — anche lavorando da casa. Se Pixel non ha convinto i portatili distribuiti dagli altri partner (complice il prezzo davvero accessibile) potrebbero “invadere” il mercato italiano. Il sistema operativo non è perfetto ed è ancora immaturo, ma sono numerose le categorie di lavoratori che potrebbero beneficiarne a un costo molto contenuto.

photo credit: kjarrett via photopin cc