Huawei sembra essere pronta ad abbandonare Android in favore di Kirin OS, il tanto rumoreggiato sistema operativo proprietario. In questo modo, grazie alla realizzazione di un nuovo OS, l’azienda cinese cercherà di svincolarsi e rendersi autonoma da Google.

Il gigante cinese Huawei desidera creare un nuovo sistema operativo denominato Kirin OS. Alcune indiscrezioni a riguardo erano già state comunicate da parte di Reuters, qualche settimana fa. Adesso, però, i rumors si fanno più insistenti e portano all’attenzione una partnership tra Huawei e ZTE per lo sviluppo di un proprio sistema operativo con l’obiettivo di ridurre la dipendenza da Android.

Il debutto di Kirin OS avverrà nel medio-lungo periodo con uno smartphone dedicato e SoC Kirin di ultima generazione appositamente realizzato. Quest’ultimo avrà integrato il sistema operativo Kirin OS che, attualmente, è da tre anni in fase di sviluppo all’interno dei laboratori dei due colossi cinesi. Un’altra novità di questo OS riguarda la piena compatibilità con i SoC Kirin che comporta un’effettiva ottimizzazione in termini di performance, usabilità e fluidità. La strategia di ZTE e Huawei assomiglia a quella di Apple, azienda che costruisce i propri SoC e poi ottimizza il sistema operativo iOS ad-hoc.

Così facendo, le due aziende cinesi ridurrebbero nettamente la dipendenza da Google, anche se sarà interessante comprendere la strategia sul fronte delle applicazioni di terze parti. Fino ad oggi, infatti, molte aziende hanno tentato di realizzare dispositivi con sistema operativo proprietario, ma l’assenza di applicazioni di terze parti ha spesso comportato il fallimento dell’intero progetto.

Per il momento, quindi, non sappiamo se uno smartphone dotato del sistema operativo Kirin OS debutterà o meno in Europa, tuttavia il fallimento di Samsung con l’OS Bada permette di comprendere le difficoltà che possono essere incontrate ogni volta che si cerca di entrare in un mercato in cui Android, iOS e Windows Phone sono i principali protagonisti.