OnePlus ha rivelato questa settimana di aver pagato più di 300mila dollari per far comparire i propri dispositivi OnePlus One, OnePlus 2 e OnePlus X in House of Cards, la celebre serie televisiva prodotta dalla BBC nonché uno dei prodotti di punta del catalogo di Netflix.

Sono molte le aziende che usano questo metodo per pubblicizzare i propri prodotti, per affermarsi come brand, basti pensare a Samsung, Sony, LG ed Apple; far usare ai personaggi di serie TV e film più noti i propri dispositivi sembra essere da anni una mossa di marketing vincente. La novità è il numero di aziende cinesi sempre più crescente che inizia a sfruttare le serie TV statunitensi per migliorare ed accrescere la reputazione del proprio marchio.

È raro venire a sapere quanto un’azienda sia disposta a pagare pur di comparire sulla pellicola o l’episodio del momento, ma OnePlus lo ha candidamente ammesso: la nuova stagione di House of Cards, dopotutto, è la più attesa del periodo, soprattutto in Italia, trasmessa in esclusiva su SkyAtlantic a partire dal 9 Marzo 2016.

OnePlus non è l’unica azienda cinese ad avanzare verso la conquista dei teleschermi statunitensi: Oppo (l’azienda “parente” di OnePlus) è stato partner di America’s Next Top Model lo scorso anno, e Vivo Electronics ha permesso al suo X5 Pro di sbarcare su Marte con The Martian.

Questa mossa sembra essere un investimento prezioso, soprattutto per OnePlus: in quanto marchio poco conosciuto sul mercato USA, la strategia migliore per farsi ricordare e riconoscere è acquistare un ruolo da comparsa sui telefilm più chiacchierati del momento, e non avrebbe potuto scegliere serie migliore di House of Cards.