Gli hashtag sono uno dei misteri dei social network. O almeno, lo sono all’apparenza. In realtà il loro utilizzo è semplice, non c’è troppo da capire, eppure secondo me una grossa percentuale di persone li usa completamente a sproposito, tanto che sono arrivato a scrivere una guida all’utilizzo degli hashtag stessi, ma in fondo, ognuno li utilizzerà come vuole, in totale libertà (al massimo andranno contro al loro scopo).

Quello che spesso però viene da chiedersi cosa vogliano dire certi insiemi di lettere e numeri messi dopo il cancelletto quasi in modo casuale, come #4DbthAl per intenderci, che ho inventato, ma non troppo diverso da hashtag realmente presenti nei Trending Topics di Twitter. Lo stesso social network è ultimamente in continua evoluzione, e spesso in fase di testing per nuove funzioni da rendere effettive in seguito, come è stato di recente il tasto Buy Now per gli acquisti online.

Bene, una nuova funzione in fase di testing è stata scoperta dal Wall Street Journal (cui vanno anche i credits per l’immagine), e consiste nella spiegazione da parte di Twitter degli hashtag. Sarà infatti sufficiente, per scoprire il significato degli hashtag che ci scorrono nella timeline, cliccare sugli stessi, per avere accesso a una spiegazione di ciò che troviamo dopo il #, rendendo così più facile anche un’eventuale interazione dell’utente con l’hashtag stesso. Non resta che aspettare per poter sfruttare al meglio questa interessante funzione, per ora ancora in fase di testing.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter