Il celebre gioco World of Warcraft ha una versione online gestita dall’azienda Blizzard. Il sito è stato hackerato da alcuni informatici ignoti che hanno trovato un modo per uccidere i personaggi dei giocatori nelle due città virtuali del gioco. 

Immaginate di essere impegnati nella vostra partita di World of Warcraft, sul sito gestito dalla Blizzard e all’improvviso iniziate a vedere lo schermo colmo di scheletri. Cos’è successo? Se questo episodio è accaduto ieri, vuol dire che avete visto in diretta l’attacco al sito del game.

Alcuni hacker – che non sono stati ancora individuati – hanno trovato un sistema per bucare il sito del gioco e per fare fuori tutti i personaggi dei giocatori ma hanno trovato un sistema per ammazzare anche tutti i cosiddetti non player character, vale a dire gli attori non protagonisti gestiti dal gioco.

Gli “omicidi” sono avvenuti nella cornice delle due città virtuali in cui si sviluppa il gioco che sono Stormwind e Orgrimmar.

Tutto l’attacco hacker è durato circa qualche ora ma in questo tempo così ridotto le strade delle due città sono praticamente diventate deserte. Tutto è partito da una falla del gioco che consentiva di eseguire i comandi d’uccisione senza restrizioni ai personaggi di primo livello.

Blizzard non aveva trovato questa vulnerabilità ma si è messa immediatamente a lavoro e in due ore ha colmato la lacuna.