Lindsay Lohan perde la causa contro Rockstar e Take-Two in merito alla violazione dei diritti di immagine per il gioco Grand Theft Auto V. Ha deciderlo una corte d’appello di New York che ha messo la parola fine al contenzioso avviato dall’attrice americana.

L’accusa dell’attrice sosteneva che il personaggio di Lacey Jonas presente nel gioco GTA V sarebbe troppo somigliante all’attrice, e non solo dal punto di vista fisico: anche voce e outfit richiamano l’immagine di Lohan. In due missioni del gioco che coinvolgono il personaggio sopraccitato Rockstar avrebbe inoltre inserito elementi della vita privata di Lindsay Lohan, come una riproduzione dell’hotel ispirato allo Chateau Marmont di West Hollywood, anni fa residenza dell’attrice.

I legali di Rockstar avevano chiesto al giudice di Manhattan di archiviare il caso, e l’obiettivo è stato raggiunto solo al ricorso in appello. I giudici di secondo grado hanno infatti dichiarato le immagini presenti nel gioco GTA V non considerabili come attività pubblicitaria o di commercio.

Secondo la corte, vista la natura versatile del gioco, si tratterebbe di fiction e satira e non di pubblicità o commercio. “Pur accettando le affermazioni della parte ricorrente, secondo le quali i ritratti presenti nel videogioco sono sufficientemente simili da essere considerati una rappresentazione della parte querelante, le richieste della stessa devono essere archiviate perché questo videogioco non rientra tra le definizioni legali di “pubblicità” o “commercio[...]. La storia di questo videogioco, i personaggi, i dialoghi e lo scenario, combinati con l’abilità del giocatore di scegliere come procedere, lo rende un lavoro di fiction e di satira”.