La tecnologia non è fatta soltanto da software e ritrovati dell’ultima ora, per esempio cellulari multitasking e quant’altro. Talvolta si parla di tecnologia anche dal punto di vista degli investimenti. Quella che vi stiamo per raccontare è la storia di Groupon un sito internet che raccoglie una serie di offerte, per gli internauti, a prezzi vantaggiosi. Sul portale in questione ci si trova di tutto e iscrivendosi alla newsletter tutte le ultimissime novità vanno direttamente dentro la posta.

Adesso Groupon ha deciso di fare un passo importante nella sua vita aziendale, trasferendo parte degli investimenti dal rango dell’economia digitale al settore della finanza. In pratica si è quotata in borsa. È stato registrato subito un aumento del 50% del valore delle azioni.

All’inizio le azioni dovevano costare dai 16 ai 18 dollari ma viste le numerose sottoscrizioni l’azienda ha deciso di aumentarne il prezzo a 20 dollari.

In questo modo, alla fine della prima seduta di contrattazioni, Groupon aveva già raggiunto una valutazione di 12,6 miliardi di dollari. Un risultato secondo soltanto alla performance di Google di dieci anni fa.

Adesso, visto il successo delle sue azioni ci si chiede quale possa essere l’evoluzione dell’azienda nei prossimi mesi. Si pensa forse alla sfida a Facebook e Amazon negli USA. Il tempo racconterà qualcosa di nuovo.