Chi usa il motore di ricerca Google, in pratica la maggior parte degli internauti, di certo conosce anche un servizio messo a disposizione dal colosso di Mountain View: il traduttore. Questo servizio si è trasformato in un’applicazione adesso anche evoluta.Quando si naviga in rete e si ingaggiano delle conversazioni con gli utenti di una community straniera, può capitare di avere bisogno di un dizionario linguistico molto preciso, o addirittura di un traduttore.

Il Google Traslate cade a pennello. Da un anno circa, questo servizio è stato trasformato in un’applicazione per telefoni Android e può essere attivato anche durante una conversazione. Come funziona? Semplice.

Google Traslate registra le parole che l’utente dice al telefono, poi le converte in testo, le traduce e tramite gli altoparlanti del dispositivo riproduce la nuova parola desiderata.

Nella prima fase l’applicazione è stata pensata per effettuare la traduzione dall’inglese allo spagnolo e viceversa, ma adesso è giunta alla maturità. Tant’è vero che il servizio supporta anche altre 14 lingue. Nello specifico: italiano, polacco, russo, francese, tedesco, portoghese, coreano, olandese, ceco, turco, giapponese e cinese mandarino.

L’applicazione è rilasciata ancora in fase alpha per giovarsi dei feedback del pubblico che con l’uso dell’applicazione possono contribuire ad ampliare le traduzioni, suggerendo versioni migliori di testi tradotti male o in modo impreciso.