Sundar Pichai, responsabile dello sviluppo di Android, ha rilasciato un’intervista in cui svela i progetti di Google per la TV — argomento del suo speech a I/O 2014. Consapevole del fallimento dei progetti precedenti, ha grandi novità da mostrare: risponde a Tim Cook sulla battuta alla WWDC che sosteneva come i consumatori disattenti siano passati a iPhone e invita Amazon a essere più aperta col proprio fork del sistema operativo. Ne ha un po’ per tutti, insomma, e non fa che aumentare le aspettative sul keynote di questa sera.

Interessante la visione di Pichai – che personalmente condivido – sulle differenze fra iPhone e Android: Apple deve vendere i propri smartphone, mentre Google punta più sui guadagni che derivano dalla piattaforma. Ecco perché ricorda a Cook che la personalizzazione della tastiera virtuale esiste da cinque anni sui dispositivi del robottino verde e non è preoccupato dalla concorrenza della Fire TV [vedi gallery] di Amazon. Sono le app a fare la differenza ed è per questo che Android TV sarà un ecosistema aperto agli sviluppatori.

Se Google TV non ha avuto il successo sperato, la disponibilità di Chromecast ha aperto nuove prospettive: l’arrivo di Android sui televisori potrebbe essere la scelta migliore — considerata la possibilità di guadagnare dai contenuti a pagamento su YouTube e dai videogiochi già distribuiti su Play Store. Quali caratteristiche avrà il sistema operativo e quali dispositivi lo supporteranno? Non resta che aspettare le 18:00 di oggi per sapere di più sul progetto e sull’uscita dei device che in Italia dovrebbero arrivare più tardi.

photo credit: sam_churchill via photopin cc