Snapchat la copiano tutti e tutti la vogliono, ma lei continua a resistere. Anche Google tentò di acquistare la nota applicazione di messaggistica ma l’offerta fu rispedita al mittente. Secondo Business Insider che ha riportato la notizia, i contatti tra Google e Snapchat risalirebbero addirittura al 2016. Big G tentò tutte le strade per fare sua l’applicazione ma le trattative si arenarono. Sicuramente non fu l’offerta economica ad essere un problema visto che Google mise sul piatto qualcosa come 30 miliardi di dollari.

Secondo quanto riportato dalla fonte, l’offerta d’acquisto sarebbe stata fatta poco prima della pubblicazione dei documenti per l’IPO da parte di Snapchat. Come noto, infatti, l’app di messaggistica è da qualche mese quotata sulla borsa americana. Non è chiaro il perché le trattative si arenarono anche perché la proposta economica di Google fu equa visto che successivamente Snapchat fu valutata circa 25 miliardi di dollari.

La sensazione è che probabilmente per l’app di messaggistica rimanere indipendente dai vari colossi del web è una priorità imprescindibile. Effettivamente la sua storia è costellata di tentativi dei grandi big di aggiudicarsela. Ma mai una volta si sarebbe arrivati vicini ad un accordo. Il risultato è che Snapchat continua ad operare da sola con tutti gli altri che continuano ad “ispirarsi” palesemente alle sue funzionalità. E questo è già un grande merito.

Di quello che è successo davvero tra Google e Snapachat difficilmente si scopriranno i dettagli anche perché Snap, la società che controlla Snapchat, ha seccamente smentito le indiscrezioni di Business Insider.