Dall’avvento corposo dei social network, la preoccupazione maggiore degli utenti della rete è la protezione dei propri dati personali e la tutela della privacy in generale. Argomento che sta a cuore anche a Google che cambia le regole. Le regole della protezione della privacy degli utenti del motore di ricerca di Mountain View cambiano. Da Google fanno sapere che gli utenti che si servono dei prodotti di Big G saranno identificati all’interno dell’ecosistema e saranno invitati a sottoscrivere le nuove regole.

In pratica molti servizi di Google prima non dialogavano, adesso l’idea è di mettere in comunicazione anche i settori che finora si erano ignorati, semplificando la vita degli utenti.

Rispetto a prima quindi l’utente dovrà sottoscrivere le nuove regole e Google, da parte sua potrà usare i dati sui quali ha ottenuto il consenso anche per più applicazioni e servizi messi a disposizione in rete.

Tutto questo nuovo sistema di gestione e protezione dei dati sarà attivo dal primo marzo e risponde ad esigenze precise delle autorità che avevano chiesto ai CEO di Mountain View di semplificare le politiche di privacy dell’azienda e unificare tutto sotto uno stesso cappello.

Attualmente Google prevede circa 60 regole di gestione della privacy. Tutto, a detta di Page e Brin, sarà più semplice ma anche più comprensibile.