Hey Larry, con ‘ste carognate per obbligarci a usare Google+ stai un po’ stufando. L’avete sentita l’ultima? Da oggi chiunque può mandarvi una mail anche se non ha il vostro indirizzo mail. Basta che vi abbia inserito nelle sue cerchie su Google+! È un annuncio che mi ha mandato in bestia.

Sì lo so, neppure io riuscivo a crederci. Funziona così: presto chi usa Gmail potrà inviare messaggi a tutti i contatti che ha nelle cerchie di Google+. Senza chiedere permesso. L’unica differenza che ci sarà nel ricevere questo tipo di mail è che se chi vi scrive è nelle vostre cerchie allora l’email arriverà nella priority Inbox, altrimenti finirà nella tab social. Chiaramente, solo se vi siete adeguati e state usando la nuova Gmail con le tab. Presto chiunque quando starà scrivendo un’email, subito dopo aver iniziato a digitare le prime lettere del nome del destinatario, vedrà comparire fra i suggerimenti i contatti di Google+ di cui non ha l’email. Potrà lo stesso inviargli un messaggio di posta elettronica, anche se i relativi indirizzi verranno occultati fino a un’eventuale risposta. Per quello che serve. Cioè nulla: tanto mi puoi scrivere lo stesso.

La cosa è meno assurda di quanto possa sembrare. Fa parte del piano per portare tutti su Google+, insieme all’obbligo di avere un account sul network per scrivere le review sul Play Store o i commenti su YouTube.

Verrebbe quasi da dire: basta! Smetto di usare Google+. Smetto di usare Gmail. Certo, se non fosse che una mail migliore di Gmail non c’è , almeno a mio avviso, e che se non usi Google Plus e non ti curi della Google Authorship rischi piano piano di sparire dal web, inteso come ricerche compiute on line.

Per fortuna è sempre possibile fare l’opt out, ossia rifiutarsi di ricevere email dagli sconosciuti. Per attivare questa opzione non dovete far altro che entrare nelle impostazioni di Gmail e nel primo quadro cambiare la voce relativa, che per ora è impostata su nessuno e presto, non appena vi arriverà la comunicazione di Google, verrà cambiata in chiunque.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+