Google+ è un social network in progressivo stato d’abbandono, stando alle ultime indiscrezioni — secondo le quali Big G avrebbe intenzione di separare le foto dalla piattaforma: a I/O 2014 non c’è stata traccia del progetto e l’uscita di scena di Vic Gundotra è un sintomo che ne anticipa la chiusura. Qual è il problema? Tutti gli utenti di Android e/o GMail sono automaticamente iscritti al servizio, ma da qualche tempo a questa parte non è obbligatorio per usare Hangouts e diminuiscono gli strumenti correlati. La fine è vicina?

Resta attivo il backup automatico dalla nuova fotocamera di Android [vedi gallery], così come il progetto per creare degli album con le immagini delle vacanze su Google+, ma le foto avranno una nuova sede: difficile che sia recuperato Picasa escluso per dare spazio al social network. Non è chiaro cosa abbiano in mente a Mountain View, però il destino della piattaforma è segnato. Sfidare Facebook con un servizio equivalente non ha dato i risultati sperati e Big G dovrà inventarsi qualcosa per monetizzare i contenuti degli utenti.

Un altro segnale del declino è nel crollo delle visite da Authorship che è stato recentemente ridimensionato, rimuovendo le foto-profilo degli autori. Come farà Google ad abbandonare il social network? La maggioranza dei servizi di Big G è legata a Google+, da Chrome ad Android, ed è impossibile che la piattaforma sparisca con le prossime pulizie di primavera: assumerà un significato diverso, potrebbe abbandonare i classici profili… e mantenere le cerchie per comunicare coi contatti. Sono soltanto ipotesi, ma qualcosa cambierà.

photo credit: Betchaboy via photopin cc