Google+ si appresta a percorrere il viale del tramonto. Il social network di Google, mai decollato davvero, chiuderà ad agosto del 2019. Si tratterà di un lungo addio per consentire agli utenti di recuperare tutti i loro dati e di spostare le loro attività social verso altre piattaforme. Google+, comunque, non sparirà davvero del tutto perché continuerà ad esistere per le aziende visto che il canale enterprise rimarrà ancora attivo. Il social network di Big G, dunque, si trasformerà in un piccolo prodotto di nicchia esclusivo per le aziende.

Il clamoroso annuncio è arrivato nella serata di ieri dopo che Google era finito al centro delle polemiche per un fatto ben più importante. The Wall Street Journal, infatti, aveva svelato che Big G avrebbe tenuto nascosto un’importante falla di sicurezza nelle API di Google+ che avrebbe esposto i dati dei profili di oltre 500 mila utenti nell’arco temporale compreso tra il 2015 e il 2018. Dati come nomi, email, date di nascita, genere, foto profilo, luoghi, lavoro, relazioni e tanto altro ancora. La falla sarebbe stata scoperta solamente a marzo del 2018 quando fu, poi, prontamente risolta.

Il bug avrebbe potuto permettere agli sviluppatori di accedere ai dati degli utenti anche se Google sottolinea che non ci sarebbero prove di un utilizzo della vulnerabilità in tal senso. Quanto emerso è stata probabilmente la classica “goccia che fa traboccare il vaso” e quindi Google ha decido di chiudere il suo social network nell’ambito dell’iniziativa chiamata “Project Strobe” che punta a voler proteggere i dati degli utenti limitandone l’accesso alle terze parti.

A causa degli ingenti sforzi economici necessari per mantenere Google+ sicuro e del fatto che l’utilizzo della piattaforma è davvero molto limitato, Google ha deciso di spegnerla, almeno, come detto all’inizio, lato consumer. Per far comprendere come poco fosse utilizzato Google+, Big G condiviso un dato interessante. Il 90% delle sessioni aveva una durata di appena 5 secondi.

Google+, dunque, si avvia verso la chiusura. Il social network di Google non è mai riuscito a fare breccia tra gli utenti e più volte si era speculato di una sua cancellazione. Parola fine che, adesso, arriverà sul serio nell’agosto del 2019.