Giusto ieri parlavo della nuova applicazione dedicata ad Android di Places for Business e, contemporaneamente, Google ha iniziato a proporre un restyling della piattaforma per gestire la presenza online degli esercizi commerciali. Già questa mattina sono riuscito a completare la procedura – che prima non riportava, nel modo corretto, alla pagina dell’attività su Google+ – e a beneficiare dei miglioramenti. Tanto le piccole e medie imprese, quanto le multinazionali potranno gestire al meglio gli aggiornamenti sul social network.

Cos’è cambiato? Beh, tutto: a prescindere dall’interfaccia grafica – armonizzata col restyling del motore di ricerca – gli esercenti possono pubblicare fotografie ad alta risoluzione, pubblicare eventi e status update come su qualunque altra pagina di Google+. Le recensioni dei clienti appaiono sotto alle informazioni sugli orari d’apertura ed è finalmente selezionabile un logo che identifichi l’attività su Google. Gli aggiornamenti non scadono dopo trenta giorni dalla pubblicazione e non sono limitati a centosessanta caratteri.

Se siete dei web designer – ed è probabile che lo siate, interessati a quest’articolo – potrete collegare le pagine degli esercizi commerciali alle Application Programming Interface (API) di Google ottenendo un accesso diretto alla nuova Cloud Console. Inoltre, non siete costretti a includere il codice di Analytics per ottenere una panoramica delle statistiche sul sito associato all’attività. Che dire? Consiglio di verificare subito e gratuitamente le società e d’aggiungere gli esercizi dei propri clienti a Places for Business.