Quando oggi ho aperto Gmail e ho scoperto SHELFIE, lo SHareable sELFIE, ossia la possibilità di impostare un selfie come sfondo di Gmail, mi sembrava effettivamente una cosa carina, ma poi alla fine basta ricordarsi che oggi è il primo aprile e ci arriviamo da soli che trattasi di un pesce. E comunque, lo sfondo selfie per Gmail secondo me potrebbe diventare davvero trendy.

Non è questo l’unico pesce di Google, che oggi ha lanciato una competizione worldwide: chi troverà per primo tutti i Pokèmon virtuali disseminati all’interno di Google Maps (basta aprire l’app per smartphone e cliccare start/cattura) verrà assunto come Pokèmon Master per aiutare l’azienda di Mountain View a creare le mappe del futuro. La video presentazione merita di essere vista!

Non sono finiti. Quest’anno Google ha lanciato una tripletta di pesci. L’ultimo della serie è Magic Hand, proposto da Google Giappone e a dire il vero un chiaro pesce: un robottino a forma di mano utilizzabile come un joystick per controllare il nostro smartphone, onde evitare problemi di guanti e unghie. Uno dei peggiori pesci della storia di Google dopo lo smartphone che puzza del 2013.

Non sono invece pesci le visualizzazioni di Google+: i numeri che appaiono sotto al vostro nome in G+ rappresentano il numero di visite che ha ricevuto il vostro profilo sommato a quelle ricevute dai vostri contenuti.