Google Now è considerato uno dei migliori servizi disponibili online, dal momento che offre all’utente la possibilità di ottenere contenuti in base alle sue ricerche e la località in cui si trova. Allo stesso tempo, però, uno dei grossi limiti che di buona parte dei servizi offerti dal colosso di Mountain View riguarda il fatto che, quest’ultimi, sono compatibili con un determinato ecosistema. L’introduzione del supporto, all’interno di Google Now, di oltre 40 nuove applicazioni di terze parti, di fatto, è un importante passo in avanti e che permetterà di offrire contenuti sempre più interessanti agli utenti.

Sempre più spesso, gli assistenti virtuali ci aiutiano quotidianamente a trovare la strada giusta per tornare a casa, le previsioni del meteo o trovare notizie ad-hoc.Tuttavia, ad oggi, vi sono due modalità per ottenere informazioni da applicazioni di terze parti ovvero: aprirle costantemente e controllarle o ottenere una notifica dedicata. Se da un lato questi metodi possono risultare estremamente familiari, dall’altro Google ha deciso di semplificare la vita degli utenti. Le applicazioni installate sul vostro smartphone Android, infatti, da ora in poi vi mostreranno nella schermata di Google Now alcune card dedicate. In modo tale da ottenere le migliori informazioni che state ricercando in un determinato lasso di tempo.

Potrete, di fatto, ottenere suggerimenti da Pandora, ottenere informazioni su affitti in Airbnb durante un viaggio o imparare una lingua straniera con Duolingo. Altre applicazioni come Shazam, eBay, TripAdvisor, adesso sono integrate in Google Now, mentre per gli amanti dei viaggi non mancheranno Now card provenienti da Gmail e compatibili con i più famosi siti di viaggi, compagnie aeree e noleggi auto.

Se da un lato Google punta ad espandere ulteriormente il numero di applicazioni supportate da Google Now, dall’altro il supporto offerto a queste nuove 40 applicazioni rappresenta un importante passo in avanti, che aiuta ad ampliare i contenuti offerti dall’assistente virtuale realizzato dall’azienda di Mountain View.

Photo credit: Google