Se già con le prime versioni di Google Now avevamo strabuzzato gli occhi di fronte alle immense potenzialità mostrate dall’assistente personale di Google, con questo aggiornamento possiamo dirci abbastanza soddisfatti: aggiornando Google Search sui nostri device Android infatti viene introdotto il supporto a numerosi comandi vocali in italiano.

Per il momento io stesso non ne ho scoperti tantissimi, e alcuni di quelli pubblicizzati non hanno funzionato se non in pochissime occasioni; quella che mi è piaciuta un sacco è stata l’introduzione dell’integrazione con Google Keep. Dicendo quindi “nuova nota” o “prendi nota” e pronunciando il testo, potremo scrivere su Google Keep senza muovere un dito.

Come al solito, il riconoscimento vocale di Google è ai massimi livelli: non ho incontrato particolari problemi nel far riconoscere le mie parole al software, e i comandi sono reattivissimi. Per provare subito qualcosa, provare a dire a Google Now “ora legale”, “ora solare”, “altezza Colosseo”, “altezza Duomo di Milano”. Otterrete risposte puntuali, pronunciate dal personal assistant.

Un’altra cosa di notevole rilievo è l’aggiunta della keyword “aggiungi evento” che consente di creare degli eventi dentro Google Calendar molto rapidamente. Nel complesso quindi l’app si comporta molto bene: sono anche stati fixati tutti quei bug che impedivano il funzionamento delle keyword che avevo spiegato in precedenza, prima che arrivasse il supporto completo.

Photo credits: Ash Berlin via photopin cc