Se fino a qualche anno fa era considerata fantascienza, adesso Google è impegnata in un progetto estremamente complesso, ma che potrebbe trasformare il mondo dell’informatica. Il futuro, infatti, sarà basato su processori quantistici, machine learning e tecnologie di intelligenza artificiale in grado di essere trasformare i pc in dispositivi “intelligenti”. L’azienda di Mountain View è, quindi, al lavoro su un nuovo processore quantistico, con un progetto realizzato in collaborazione con un gruppo di ricercatori americani.

Si chiama “Quantum Artificial Intelligence” (QAI) e promette di rivoluzionare l’informatica. Questo progetto verrà realizzato in collaborazione tra Google e un gruppo di ricercatori dell’Università di Santa Barbara, con l’obiettivo di realizzare la next-gen di processori quantistici e basati su semiconduttori.

La notizia diffusa dalla stessa Google, con un post pubblicato nel blog ufficiale della sezione Google Research, annuncia il nuovo progetto al capo del quale troviamo il fisico John Martinis. L’azienda di Mountain View, allo stesso tempo, continuerà a collaborare con la NASA e D-Wave per avere a disposizione un miglior know-how per portare a termine lo sviluppo di processori quantistici.

L‘informatica quantistica è uno dei settori più in crescita e con un alto margine di miglioramenti. Google, già dal 2009, ha lavorato a progetti avanzati di machine learning e non solo. Con l’accordo odierno, viene realizzato un progetto che dimostra l’attenzione di Google verso nuovi settori e la recente acquisizione di DeepMind, azienda specializzata nello studio di tecnologie legate all’intelligenza artificiale, è un ulteriore tassello che si va ad aggiungere ad un puzzle di aziende già presenti.