A partire da oggi, Google Maps permette ai suoi utenti di navigare sulle sue mappe anche offline.

Vista l’impossibilità nel 60% del mondo di avere accesso alla rete in mobilità, Google ha ben pensato di rendere disponibile il suo importante servizio di geolocalizzazione anche senza rete. Non poter sfruttare le mappe di Google in assenza di rete è infatti un grave problema, soprattutto quando ci si trova in località sconosciute.

Da oggi si potrà scaricare un’area geografica sullo smartphone e, quando non c’è copertura Internet – che ci si trovi su una strada di campagna o in un parcheggio sotterraneo – Google Maps continuerà a funzionare senza interruzioni. Se in passato si poteva semplicemente consultare un’area della mappa offline, ora si possono ricevere indicazioni stradali passo-passo, cercare destinazioni specifiche e trovare informazioni utili sui luoghi d’interesse, come ad esempio orari d’apertura, dati di contatto o recensioni.

Per scaricare un’area è sufficiente cercare una città, una regione o una nazione, ad esempio, e cliccare poi su “Download” nella relativa scheda, oppure andare su “Aree offline” nel menù di Google Maps e premere il pulsante “+”. Una volta scaricata la mappa, nel momento in cui Google Maps rileverà una connettività limitata o assente, passerà automaticamente alla modalità offline, mentre tornerà a quella online quando la connessione verrà ripristinata, così da garantire l’accesso alla versione completa di Maps, che comprende il traffico in tempo reale. Per impostazione predefinita, l’applicazione scaricherà le mappe sul vostro dispositivo solo quando sarete collegati a una rete Wi-Fi, in modo da evitare addebiti elevati per il consumo di dati.

Le nuove funzioni sono state mostrate in anteprima in occasione di Google I/O a maggio e oggi sono disponibili con l’ultima versione di Google Maps per Android (a breve anche su iOS). Presto – fa sapere Google – verranno introdotte altre funzionalità offline.