Google Maps compie un nuovo passo in avanti. Oltre alla possibilità, già disponibile da tempo, di scaricare le mappe per visionarle anche offline, il servizio mappe di bigG permetterà prossimamente di avere accesso, senza connessione, anche le indicazioni vocali passo a passo verso la meta prescelta e cercare luoghi e punti di interesse nell’area geografica scaricata.

Lo ha annunciato nella giornata di ieri il colosso di Mountain View – nella persona di Jen Fitzpatrick, vice presidente dell’ingegneristica – durante la conferenza Google I/O per gli sviluppatori che si tiene a San Francisco. La funzione di vedere le mappe offline era stata introdotta da Google nel 2012, ma con questa nuova feature gli utenti potranno non solo consultare una mappa senza rete ma anche ricevere informazioni sui luoghi di interesse come musei o locali e avere le indicazioni vocali per raggiungere un luogo prescelto.

Una scelta che migliora ulteriormente il servizio mappe di Google, non ancora ai livelli del competitor Here Maps di Nokia, ma la direzione intrapresa è certamente quella giusta. Seppur i comandi per poter sfruttare questa nuova funzione siano piuttosto macchinosi e non intuitivi, la funzione è una manna per chi deve compiere viaggi in zone del mondo dove la connessione mobile non è stabile. L’aggiornamento sarà disponibile entro la fine dell’anno.