Tra poche ore inizierà il secondo giorno del Google I/O, ieri ho seguito e coperto l’intero evento col liveblog che spero abbiate seguito. È stato un evento particolare, ricco di sorprese, a tratti anche un po’ noioso (sembra che il keynote di Chrome sia stato inserito in quello di Android) ma che ha messo in mano agli sviluppatori e a noi utenti tantissime novità.

Ne abbiamo visto di tutti i colori: dall’arrivo di Hangouts di cui ci ha parlato stamattina Silvio Gulizia, passando per una nuova versione di Google Play Music e il nuovo servizio Play Music All, il tanto atteso Game Center chiamato Google Play Games, una versione migliorata di Google Maps, un reale potenziamento di Google Now (presentato anche per Chrome).  In sordina è stato aggiornato anche Google Play Book, con interessanti novità.

Durante l’evento non è stato presentato il tanto acclamato e chiacchierato Android 4.3, scovato anche sul sito AOSP, ma di fatto Google ha aggiornato Android, focalizzandosi su servizi e relative app. L’ecosistema Google è stato rafforzato e come abbiamo visto allo scorso Google I/O a fare la differenza sono stati i servizi. Le app sono più “mature”, la nuova UI comincia a prendere forma e i servizi ad essere sempre più integrati fra loro. Quello di Google è stato un ottimo lavoro. L’evento, come era stato annunciato, sarà incentrato sullo sviluppo di Android e relative piattaforme. Nei prossimi giorni potremmo vederne davvero delle belle.