Google ha annunciato una nuova caratteristica di Hangouts, l’app recentemente introdotta su web e mobile per raccogliere in un unico punto tutte le comunicazioni che transitavano prima per i vari servizi di Google. Ora è anche possibile fare chiamate VoIP attraverso il servizio. Sì, lo so che a prima vista non è chissà quale grande novità, ma se vi guardate indietro cercando di collegare i puntini vi renderete conto che potrebbe essere una cosa rivoluzionaria.

Google con questa mossa vuole trasformare Hangouts in un ancor più serio rivale di Skype. Se fino a poco tempo fa il software acquisito da Microsoft era l’unico utilizzato per le conversazioni tramite VoIP, oggi infatti molta gente ha iniziato a usare Hangouts per un semplice motivo: questo permette di fare videochiamate con più persone gratuitamente, al contrario di Skype che senza pagare consente di videochiamare solo una persona.

Vi ricordate quando sono nate le videochiamate? Quante ne avete fatte in vita vostra? A me personalmente è capitato di farne alcune giusto quando stavo all’estero e avevo esigenza di comunicare con i miei cari. Anche in quei casi però ho quasi sempre usato il laptop e Skype.

Vero è che oggi potrei usare Skype sul telefono per chiamare e messaggiare gli amici, ma Skype consuma un sacco di batteria e di solito lo tengo chiuso. Inoltre Hangouts è automaticamente sincronizzato con la mia rubrica di Gmail, quindi fin dall’inizio mi permette di comunicare con le persone con cui sono già in contatto.

La rivoluzione sta nei prossimi smartphone. Google già ci dà un’unica app per messaggiare gli amici e chiamarli attraverso Internet e attraverso l’annunciata integrazione di Google Voice in Hangouts potremo chiamare anche i numeri fissi. Al momento da mobile è solo possibile ricevere chiamate, ma Google ha garantito che questo è solo l’inizio. Piano piano che questo servizio prenderà piede, e la cosa dovrebbe avvenire come conseguenza della diffusione del 4G, Hangouts sono certo che si conquisterà un sempre maggior spazio. Non a caso il settore comincia a essere affollato, con Viber che ha recentemente rilasciato la propria versione per desktop e ha annunciato di aver già raggiunto 200 milioni di utenti in tutto il mondo.

Agli operatori telefonici non resta dunque che adeguarsi: dovranno presto smetterla di ammorbarci con le loro tariffe flat e concentrarsi sull’offerta di pacchetti basati sull’offerta di connessione a Internet.