I Google Glass creano dipendenza. O almeno questo è quello che è successo ad un uomo di 31 anni negli Stati Uniti, che stando a quanto riportato da Adnkronos, non riusciva mai a separarsi dai suoi smart glasses, se non per dormire e fare la doccia. Questo sarebbe il primo caso documentato al mondo di dipendenza da Google Glass, che portava l’uomo a mostrare significativa frustrazione e irritabilità collegati all’impossibilità di non usare i suoi occhiali.

C’è però da dire che non si trattava solo di una dipendenza da questo accessorio wearable ad alto contenuto tecnologico. L’uomo infatti, avrebbe avuto un passato fatto di abuso di sostanze e di problemi psicologici, come disturbi d’ansia e depressione. L’uso degli occhiali per questa persona era diventato un’ossessione, arrivando a portare i Google Glass sino a 18 ore al giorno, praticamente sempre.

Gli occhiali, abituato questo paziente alla loro presenza, lo portavano stando a quanto detto dai medici a cercare automaticamente con le dita il touchpad dei Glass, situato all’altezza della tempia, anche quando però non li indossava realmente. Certo non si tratta di una patologia riconosciuta, ma allo stesso tempo il caso di quest uomo fa aumentare un po’ l’attenzione, sensibilizzando coloro che passano ore davanti allo schermo del loro dispositivo, smartphone, tablet o computer che sia.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter

photo credit: tedeytan via photopin cc