La data di debutto ufficiale dei Google Glass, sul mercato, è stata posticipata al 2015. La versione consumer dei famosi occhialini dell’azienda di Mountain View, almeno per il momento, rimane ancora un dispositivo annunciato e mai mostrato. Nel frattempo, le potenzialità dei Google Glass sono rimaste le stesse e vi sono alcuni sviluppatori che hanno già gettato la spugna tra cui il famoso social network Twitter, che non permetterà più di scaricare e installare l’app dedicata.

Il progetto Google Glass risale, ufficialmente, all’aprile 2012, mese in cui BigG decise di presentarlo al mondo. Fin da quel momento sono circolati tantissimi rumors su un’eventuale commercializzazione e i Glass sono apparsi nelle vetrine di alcune catene di elettronica italiane. Tuttavia, seppur non vi sia alcuna conferma sulla commercializzazione, gli analisti sostengono che quest’ultima non avverrà prima del 2015.

La prolungata attesa ha già fatto i primi abbandoni da parte degli sviluppatori. Dopo il caso di Twitter, anche la software house Little Guy Games ha intrapreso la medesima strada. Se da un lato la lunga attesa potrebbe comportare maggiori vantaggi e novità, da un punto di vista funzionale, dall’altro vi sono tantissimi sviluppatori che ormai si vedono costretti ad abbandonare le proprie applicazioni.

Non solo gli sviluppatori, il progetto Google Glass ha visto uscire di scena persone impostanti quali Babak Parviz, lead developer, Adrian Wong, electrical engineering chief, e Ossama Alami, director of developer relations.

Le promesse di Sergey Brin, su un possibile arrivo dei Google Glass entro la fine del 2014, non verranno rispettate. Se nel 2012, i Google Glass erano considerati un prodotto futuristico, oggi hanno perso una buona parte dell’hype di un tempo. L’azienda di Mountain View continuerà a sviluppare e lavorare su nuove funzionalità per i Google Glass e il progetto “Glass at Work”, apre la strada a nuovi possibili impieghi degli occhiali intelligenti in ambito business.

photo credit: Thomas Hawk via photopin cc