I Google Glass sono uno dei prodotti più desiderati, grazie alle funzionalità integrate e le potenzialità offerte. A conferma di ciò, vi è un’azienda londinese, “This Place”, che ha realizzato un sistema che permette di comandarli con il pensiero tramite un sensore e un’app ad-hoc. Ciò, quindi, potrebbe rivoluzionare il nostro modo di interagire con la tecnologia e forse, un domani, saremo in grado di comandare gli oggetti che ci circondano con la sola forza del pensiero.

La tecnologia ha rivoluzionato il nostro modo di vivere, ma l’arrivo dei dispositivi indossabili, in particolare dei Google Glass, ha reso sempre più semplice la comunicazione e l’accesso al web. I Google Glass, disponibili in versione “Explorer”, possono essere facilmente controllati con la voce che attraverso un semplice touchpad. Adesso, grazie al progetto di This Place, è possibile interagire attraverso un sensore, denominato Mindwave Mobile NeuroSky, che cattura il nostro livello di attenzione, e l’applicazione MindRDR che traduce tutti gli impulsi in azioni.


Per il momento è possibile solo scattare fotografie e condividerle sui social network, ma essendo un progetto in fase di sviluppo, crediamo che il team di This Place aumenterà le funzionalità offerte. Infine, per migliorare questo progetto, è stato reso disponibile il codice sorgente del progetto su GitHub, in modo tale da offrire agli sviluppatori tutti gli strumenti per poter creare nuove applicazioni e tipologie di interazione.